Microscopica Tessuto Osseo Compatto

Il tessuto osseo compatto, che è il più rappresentato nello scheletro adulto, viene così definito in quanto non presenta spazi al suo interno e la sostanza intercellulare è costituita da sistemi di lamelle strettamente aderenti.

Queste si possono organizzare in strati concentrici attorno ad un canale contenente vasi sanguigni e nervi (osteoni), oppure in strati a grande curvatura alla periferia dell’osso (lamelle circonferenziali), oppure in gruppi di lamelle che occupano gli spazi tra gli osteoni (lamelle interstiziali).

Il tessuto osseo compatto, che è il più rappresentato nello scheletro adulto, viene così definito in quanto non presenta spazi al suo interno e la sostanza intercellulare è costituita da sistemi di lamelle strettamente aderenti.

Queste si possono organizzare in strati concentrici attorno ad un canale contenente vasi sanguigni e nervi (osteoni), oppure in strati a grande curvatura alla periferia dell’osso (lamelle circonferenziali), oppure in gruppi di lamelle che occupano gli spazi tra gli osteoni (lamelle interstiziali).

Di solito le tre organizzazioni coesistono nell’osso. Si ricorda che gli osteociti sono sempre situati in lacune tra le lamelle. Gli osteoni sono sistemi di lamelle concentriche attorno al canale di Hàvers, nel quale sono presenti i vasi sanguigni e dal quale gli osteociti "pescano" con i loro prolungamenti, i materiali necessari alla loro sopravvivenza.

Il tessuto osseo compatto costituisce gran parte della parete della diafisi delle ossa lunghe, e la parte esterna delle ossa piatte. Nelle ossa brevi forma un sottile rivestimento esterno. 

 

 

Potrebbero interessarti anche...