Ritmi Respiratori

i ritmi respiratori, servono a comprendere se il nostro respiro è regolare o meno. Un respiro non regolare, in condizioni patologiche, è segno che le strutture superiori al bulbo sono state danneggiate, poiché esse sono indispensabili alla regolazione precisa dell’alternanza espirazione/inspirazione.

ritmi-respiratori

Centro apneustico e centro pneumotassico

Il centro apneustico possiede neuroni che attivano il centro inspiratorio.

Il centro pneumotassico possiede neuroni che inibiscono il centro apneustico.

La collaborazione di questi due centri permette di avere un respiro regolare.

Se si impedisce al centro pneumotassico di agire, si avrà un respiro comandato essenzialmente dal centro apneustico, ossia costituito da rapide espirazioni e lunghe inspirazioni.

Anche sezioni del nervo vago causano modificazioni della attività respiratoria: il ritmo della respirazione viene mantenuto, ma ne aumenta l’ampiezza. l’ampiezza verrebbe ulteriormente aumentata se venissero a mancare le informazioni dai chemocettori centrali.

Il respiro come concetto è un movimento ritmico di immissione e di emissione dell’aria per mezzo del quale si attua il processo della respirazione.

i diversi tipi di respiro:

Il respiro di Biot

Il respiro di Biot è detto anche respiro intermittente o respirazione atassica è una forma di respiro patologico in cui si alternano gruppi di 4 o 5 atti respiratori brevi e superficiali seguiti da fasi di apnea di durata variabile, ma in genere tra i 10 ed i 30 secondi. Il respiro di Biot si associa a numerose patologie quali: Meningite; Encefalite; Edema cerebrale, ecc.

Il respiro di Cheyne-Stokes

Per respiro di Cheyne-Stokes o respiro periodico, si intende una forma di respiro patologico. la persona alterna fasi di apnea anche lunga a fasi in cui si passa gradatamente da una respirazione profonda ad una sempre più superficiale che termina nella fase di apnea. Molto frequente negli anziani.

Il respiro di Falstaff

Il respiro di Falstaff si riferisce ad una forma di respiro patologico associato alla sindrome delle apnee ostruttive nel sonno.

Il Respiro di Kussmaul o respiro grosso

Il Respiro di Kussmaul o respiro grosso è un respiro patologico associato ad acidosi metabolica grave, causata in particolare da chetoacidosi diabetica o da insufficienza renale. È caratterizzato da atti respiratori lenti, ed in particolare da una inspirazione profonda e rumorosa, a cui segue una breve apnea inspiratoria infine una pausa post-espiratoria decisamente prolungata.

Potrebbero interessarti anche...