Misurazione della Pressione Intracranica

La pressione endocranica si può misurare inserendo delle sonde, che definiscono la pressione presente nei ventricoli cerebrali o nel parenchima cerebrale. Questo è un metodo molto invasivo.

Un metodo alternativo consiste nel poggiare delle sonde nello spazio subaracnoideo o nello spazio subepidurale, che misurano indirettamente la pressione dell’encefalo. Se si misura la pressione intracranica distesi, seduti e in piedi, essa varia: aumenta quando la persona è sdraiata perché il sensore deve essere a livello del cuore; man mano che il paziente si solleva la pressione intracranica diminuisce. La pressione intracranica aumenta solo se il paziente seduto comincia a fare un torchio addominale o a tossire. La ripercussione della tosse o del torchio addominale sulla pressione intracranica è dovuta all’aumento della pressione intratoracica e intraddominale. A livello della colonna vertebrale c’è il canale vertebrale, all’interno del quale ci sono meningi, spazio sub aracnoideo, liquor e midollo. Nello spazio epidurale ci sono le vene epidurali. Un aumento di pressione a livello toracico o a livello addominale porta alla difficoltà di scarico delle vene epidurali dal midollo. Quindi il liquor presente intorno al midollo viene spinto verso l’alto e aumenta la pressione intracranica.
Ogni misurazione della pressione intracranica ha un trend di 8 ore perché la pressione può subire degli aumenti e delle diminuzioni che possono essere momentanee o durature. Per questo motivo la pressione intracranica viene misurata come trend nelle 8 ore, 12 ore, 24 ore. Si crea un grafico molto semplice in cui il tempo è sull’asse delle ascisse e la pressione intracranica sull’asse delle ordinate. Si osservano delle oscillazioni.
Oltre a ciò si può fare una misurazione della pressione momentanea, istante per istante. Il segnale della pressione periferica è il polso periferico. Analogamente si osserva nella pressione intracranica. Se noi misurassimo un istante in corrispondenza di ogni gittata cardiaca, il segnale della pressione intracranica è un’onda. La differenza tra un polso periferico e la pressione intracranica è che mentre il polso periferico ha una sola incisura, il polso cerebrale ha più di un’incisura (ha un’onda P, formata da un’onda P1, P2,…).

 

Potrebbero interessarti anche...