Categoria: Citologia ed Istologia

La citologia, detta anche biologia cellulare, è la scienza che studia la cellula dal punto di vista morfologico (studio strutturale) e funzionale (studio dei processi fondamentali). Gli approcci della citologia sono sia a livello microscopico che molecolare, sia in organismi unicellulari che in organismi più complessi come l’uomo. La conoscenza della struttura della cellula e dei processi che vi avvengono è molto importante per tutte le scienze biologiche, in quanto consente di cogliere le somiglianze e le differenze tra cellule di diversi organismi, o di diversi tessuti. Le informazioni fornite dalla citologia sono fondamentali nelle altre discipline, sia molecolari (come la genetica, la biochimica o la biologia molecolare) che macroscopiche (come la patologia).
L’unità base di ogni organismo è la cellula. Esistono due tipi di cellule: eucariotiche e procariotiche. Le cellule eucariotiche hanno una struttura interna complessa, con un nucleo racchiuso in una membrana. Le cellule procariotiche, che non contengono un nucleo definito ed hanno una composizione interna più semplificata, sono state ulteriormente sottoposte a dettagliate analisi al DNA e suddivise in due domini diversi, chiamati Eubacteria (i batteri propriamente detti) e Archaea (detti anche archeobatteri).

L’istologia è la disciplina che studia i tessuti vegetali e animali. È una importante branca della medicina, della chirurgia e della biologia. I tessuti sono tipi cellulari differenziati per forma e funzione che sono presenti solo negli animali e nelle piante. I tessuti sono strutture costituite da cellule simili per morfologia e per funzione, deputati a svolgere uno o più determinati compiti all’interno dell’organismo. Secondo la classificazione corrente, esistono quattro tipi di tessuti fondamentali:
• Tessuto epiteliale, costituito da cellule strettamente adese, deputato al rivestimento delle cavità interne ed esterne del corpo e alla formazione delle ghiandole.
• Tessuto connettivo, costituito da cellule immerse in una sostanza detta matrice extracellulare, e deputato a connettere strutturalmente e funzionalmente gli altri tessuti o gli organi. Si differenzia, a seconda delle specifiche morfologiche o funzionali, in vari sotto-tipi tissutali:
o tessuto connettivo lasso
o tessuto connettivo denso
o tessuto cartilagineo, a sua volta suddivisibile in:
 tessuto cartilagineo ialino
 tessuto cartilagineo elastico
 tessuto cartilagineo fibroso
o tessuto osseo, a sua volta suddivisibile in:
 tessuto osseo denso
 tessuto osseo spugnoso
o tessuto adiposo
o il sangue
• Tessuto muscolare, costituito da cellule dette miociti, deputato al movimento volontario o involontario degli organi del corpo
• Tessuto nervoso, costituito da cellule dette cellule nervose o neuroni, deputato alla ricezione e alla trasmissione degli stimoli sia interni che esterni.
Questi quattro tessuti fondamentali derivano dai tessuti o foglietti embrionali: l’ectoderma, il mesoderma e l’endoderma.

Pressione di Turgore

l'acqua che entra in una cellula posta in una soluzione ipotonica, il volume della cellula aumenta e la parete cellulare, che è elastica, viene sempre più tesa. Ciò si traduce in un'aggiunta di pressione...

Citologia ed Istologia

Citologia ed Istologia

La citologia, detta anche biologia cellulare, è la scienza che studia la cellula dal punto di vista morfologico (studio strutturale) e funzionale (studio dei processi fondamentali). Gli approcci della citologia sono sia a livello...

Osteoclastogenesi

Gli osteoblasti secernono il macrophage colony-stimulating factor (m- csf) che si lega sul recettore c-fms dei macrofagi. È necessario il contatto diretto tra gli osteoblasti e macrofagi (rankl-rank). Gli osteoblasti modulano l’osteoclastogenesi secernendo la...

Riassorbimento Osseo

Adesione alla matrice da riassorbire attraverso recettori integrinici. Comparsa di un anello circolare 8zona sigillante) con podosomi che isolano e trasmettono i segnali extracellulari. Dissoluzione acida della matrice minerale: il pH acido solubilizza i...

Ossificazione

Per ossificazione si intende la formazione del tessuto osseo che è l'ultimo a comparire nell'embrione (secondo e terzo mese di gravidanza). L'osteogenesi segue tre processi, che differiscono solo per le fasi iniziali (di cui...

Cellule Ossee

Le cellule fondamentali del tessuto osseo, responsabili della sintesi dei componenti della matrice, sono gli osteoblasti o cellula osteogenica. Gli osteoblasti sono cellule di forma tondeggiante che derivano dalla differenziazione delle cellule osteoprogenitrici, ossia...

Microscopica Tessuto Osseo Compatto

Il tessuto osseo compatto, che è il più rappresentato nello scheletro adulto, viene così definito in quanto non presenta spazi al suo interno e la sostanza intercellulare è costituita da sistemi di lamelle strettamente...

Macroscopica Osso

Un osso è costituito da una parte centrale, detta diafisi e da due estremità vagamente tondeggianti, dette epifisi. Tra diafisi ed epifisi è presente, durante lo sviluppo dello scheletro, uno strato di cartilagine, detta...

Tessuto Osseo

Il tessuto osseo è caratterizzato da una notevole durezza e resistenza. È un tipo particolare di tessuto connettivo di sostegno, costituito da cellule disperse in un'abbondante matrice extracellulare, costituita da fibre e da sostanza...

Colorazione

Per poter osservare e riconoscere i vari tipi di leucocita, è necessario colorarli. A tale scopo si utilizza il liquido di "Giemsa". Si tratta di una miscela di coloranti, a base di blu di...

Questo sito utilizza i cookie anche di terze parti per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi